A COSA SERVE STUDIARE CON IL METRONOMO?

Parte - 1


Ciao, è capitato anche a te di sentire pareri discordi sul' utilità di studiare col metronomo?

Hai fatto caso alla tipologia di persona che è a favore e a quella che è contraria?

E tu che idea ti sei fatto?

Scarica l'mp3 per ascoltare l'audio del post in auto o sul tuo device personale! CLICCA QUI!

Fammi sapere la tua opinione lasciando un commento nell'area apposita in fondo al post. Per farlo DEVI essere loggato.

Non sei ancora entrato a far parte del gruppo Facebook "Strumenti per il batterista intelligente"?

Fallo subito! Clicca qui e vedrai che FIGATA!



Ciao sono RP il creatore di TDB SXBI e vorrei condividere con te una mia riflessione.

Io ho sempre usato il metronomo o sequencers dedicati a batterie e percussioni perché penso che sia un ottimo strumento per aiutarmi in diversi ambiti.

Ti faccio qualche esempio:

  1. Quando studi uno strumento musicale hai una certa quantità di esercizi diversi da assimilare. Hai una sostanziosa parte della tua sessione di "pratica" dedicata alle routines di acquisizione di nuove tecniche, di consolidamento di tecniche che conosci già, e una parte dedicata allo sviluppo del controllo e della velocità esecutiva. L'uso del metronomo come strumento di misurazione della progressione dei tuoi studi è fondamentale. Tenendo sempre aggiornate le tabelle degli esercizi avrai sempre una traccia dei tuoi miglioramenti in campo tecnico. Non rischierai di studiare a velocità dettate da fattori come il clima, lo stato d'animo e altri fattori esterni rischiando di involvere invece che evolvere.
  2. Se stai preparando un repertorio dovrai analizzare i brani magari studiandoli rallentati rispetto alle velocità originali. Studiare un brano molto lentamente ti permetterà di coglierne ogni sfumatura tecnico/espressiva e, inoltre, riuscirai ad analizzare meglio le difficoltà tecniche qualora ce ne siano. In un brano il tempo è fondamentale!
  3. In fase di performance ho sempre considerato il metronomo, sotto forma di click track, un valido supporto per dare la velocità giusta fin dallo starter di ogni brano. Per non parlare del massiccio uso che si fa da tanti anni di computer che eseguono sequenze preregistrate che fungono da supporto sonoro e musicale alle canzoni. Questo sistema viene usato a qualunque livello, da semplici cover band, a musical, a concerti con artisti di grande calibro. Negli spettacoli d'intrattenimento è molto importante avere confidenza con là click track perché potrebbero esserci integrazioni visive e grafiche che oramai sono parte integrante degli show. Per cui per avere sempre una grande sincronizzazione fra arti visive e la musica, bisogna che la musica venga eseguita con là click track che potrebbe fungere da riferimento comune per tenere sincronizzate la parte musicale e quella visiva. Chi conduce è là click track.
  4. In studio di registrazione è obbligatorio nel 99% dei casi, non si scappa.

Perciò farci amicizia fin dall'inizio secondo me è molto importante.

In più se la tua "carriera" è orientata alla musica pop il "click" è fonte di ossessione per musicisti, fonici e produttori.

Ma se ti muovi in ambienti diversi dal pop o dalla musica commerciale in generale, ecco che questa ossessione non esiste più.

Mi riferisco ad ambienti di jazz e derivati, o ancora meno se ti trovi in contesti di musica classica dove la rigidità del tempo viene considerata una brutta malattia.

In fase di performance, il tempo portato in maniera metronomica viene considerato un killer dell'espressività.

Però in fase di studio lo si deve comunque usare.

Ti saluto e ti lascio con un grande abbraccio.

Ricordati:

Studia più intelligentemente e meno duramente.

Ciao

Ruggero

P.S.

Lascia qui sotto la tua opinione in modo che tutti possiamo condividere.

Grazie.