E' MEGLIO COMINCIARE CON UN PROGETTO IN TESTA!

Parte - 1

Scarica l'mp3 per ascoltare l'audio del post in auto o sul tuo device personale! CLICCA QUI!

Fammi sapere la tua opinione lasciando un commento nell'area apposita in fondo al post. Per farlo DEVI essere loggato.

Non sei ancora entrato a far parte del gruppo Facebook "Strumenti per il batterista intelligente"?

Fallo subito! Clicca qui e vedrai che FIGATA!


Hai il tuo progetto?

Hai il tuo sogno impresso nella tua mente ma non riesci a trovare il modo di realizzarlo?

Ciao Sono RP il fondatore di The Drum Booster Strumenti per il batterista intelligente,

e vorrei spiegarti il mio punto di vista sul come io sono riuscito a concretizzare il mio sogno.

C'è un'età in cui cominci a vedere sempre più chiaro il tuo sogno.

Ogni giorno che passa lo visualizzi in maniera sempre più chiara ma sentì che c'è qualcosa che ti frena dal realizzarlo.

Magari ne hai parlato con qualcuno tipo un amico o i tuoi genitori, e ti sei sentito rispondere:

ma lascia stare, non ce la farai mai. Per realizzare quello che dici tu ci vorrebbe questo e quello e tu non ce l'hai.

E allora tu hai risposto: si ma tizio ci è riuscito e perché io non potrei?

E la classica risposta definitiva, risolutiva che ti lascia ammutolito è:

certo, ma lui è stato fortunato!

E li ti arriva la tranvata in faccia che ti lascia steso a terra paralizzato.

Permettimi di dirti quello che penso: la fortuna è l'appiglio di quelli che vivono pensando che le cose ci accadono per caso.

Ci sono due tipi di eventi nella nostra vita:

  • Interni
  • Esterni

Gli eventi esterni sono cose che proprio non possiamo controllare, tipo le calamità naturali, o il meteo, la rotazione della terra eccetera.

Quelli interni sono quelli che noi possiamo controllare come ad esempio:

la nostra salute, la nostra carriera, i nostri rapporti con gli altri e così via. Sono cioè quel tipo di eventi che si sviluppano in base alle nostre azioni.

Puoi scegliere di vivere la tua vita di reazione o di azione.

Di reazione significa vivere passivamente, cioè aspetti che succeda qualcosa e reagisci, poi ne succede un'altra e reagisci.

In pratica vivi rimbalzando come la pallina di un flipper.

Oppure vivi di azione.

Decidi tu cosa fare della tua vita è in base alle tue decisioni agisci, e se succedono le sbandate impreviste cerchi tu la soluzione per portare gli eventi a tuo vantaggio.

Questo è quello che ho fatto io.

Ti garantisco che non l’ho fatto a 18 anni. O meglio a 18 anni ho preso una decisione importante da cui non sarei tornato indietro.

Quello che è successo nei 20 anni successivi invece è stato simile alla storia pallina del flipper, fino a quando mi sono deciso ad agire mosso da una delle più importanti leve che possiamo avere:

La paura!

E allora ho capito che Il primo modo per cominciare a vivere di azione è quello di avere un progetto.

Il progetto nato dal tuo sogno che probabilmente qualcuno ha tentato di smontarti.

Fai un progetto ad almeno tre anni, se non cinque, e fai un piano di azione.

Fai un elenco di azioni che ti serviranno a raggiungere il tuo scopo.

Un altro consiglio che mi permetto di darti è: scegli un risultato sostenibile piuttosto che uno ottenibile.

Il risultato ottenibile è quello meno faticoso da raggiungere ma è anche il più effimero.

Ti faccio un esempio:

Il sogno è: Voglio imparare a suonare la batteria, e il risultato che voglio ottenere è: diventare un professionista.

Bene! Ottima scelta!

To be continued!

Ti saluto e ti lascio con un grande abbraccio.

Ricordati:

Studia più intelligentemente e meno duramente.

Ciao

Ruggero